Maza (focaccia) dolce e salata

Home  >>  Senza categoria  >>  Maza (focaccia) dolce e salata

Maza (focaccia) dolce e salata

   Senza categoria   Mag 10, 2017  No Comments

La maza di Giunone Sospita a Lanuvio
 scheda storica
Il culto arcaico di Giunone Sospita a Lanuvio

Tra i culti religiosi del Lazio arcaico latino una particolare rilevanza aveva certamente quello dedicato alla dea Iuno Sospes a Lanuvio (Sil. It., VIII, 360: Lanuvium, Iunionia sedes). I ritrovamenti archeologici del tempio testimoniano, con la loro monumentalità, un notevole investimento in termini di energie e risorse, investimenti che lasciano pensare ad una importanza non marginale del tempio e della dea già in età arcaica. A lungo Lanuvio ebbe un ruolo importante nell’area della cultura latina partecipando anche alle alleanze della Lega Latina, ed è facile immaginare che questo ruolo fosse connesso con l’importanza di Iuno Sospes per i popoli latini. Ancora dopo la romanizzazione di Lanuvio (o, comunque, dopo l’ingresso definitivo della città nell’orbita romana), il tempio era meta di pellegrinaggi numerosi che continuavano quelli dell’età arcaica e che costituivano una risorsa economica rilevante per la città.

Nel 338 a. C. il culto di Iuno Sospes fu introdotto ufficialmente a Roma e, se non nella stessa data, in un periodo vicino fu concessa la cittadinanza romana agli abitanti di Lanuvio. Di fatto Iuno Sospes e Lanuvio diventavano romani: i consoli erano tenuti (Cicerone, Pro Mur., 41, 90) a celebrare un sacrificio a questa dea (non è chiaro se oltre al sacrifico a Roma, alle calende di febbraio, ne dovessero svolgere anche un altro a Lanuvio) e fu istituito un apposito collegio sacerdotale, Sacerdotes Lanuvini, tratto dalla classe degli equites, con un flamen sottoposto a questi sacerdoti.

Parte integrante del culto della dea era il rito di offerta di cibi ad un serpente che viveva in una profonda grotta nelle vicinanze del tempio di Iuno. Abbiamo due descrizioni del rito, sostanzialmente coincidenti. Secondo Properzio (4, 8, 3-14), annualmente delle fanciulle vergini erano incaricate di recare al serpente un’offerta di cibo. Le fanciulle dovevano compiere il tragitto in discesa verso la grotta in solitudine, recando le offerte alimentari su dei canestri. Una volta consegnata l’offerta le fanciulle potevano tornare dai parenti che le attendevano e il loro ritorno era accolto con giubilo dai contadini, poiché era di buon auspicio per la fecondità dei campi nel prossimo anno agricolo. Nel caso in cui, però, la fanciulla non fosse stata vergine, allora, lascia capire la nostra fonte, la fanciulla non sarebbe mai tornata dai partenti e l’annata agricola sarebbe stata nefasta.

La nostra seconda fonte, Eliano (Perì zoon, XI, 16), aggiunge qualche particolare, specificando che l’ampia e profonda grotta ove viveva quello che Eliano definisce drago (Drakon) si trovava in un bosco. Nei giorni stabiliti le vergini consacrate entravano nel bosco con gli occhi bendati, recando in mano una focaccia. Grazie ad un soffio divino che le avrebbe condotte direttamente al giaciglio del drago senza farle inciampare, le fanciulle potevano procedere come se non fossero bendate. Qualora fossero state realmente vergini il drago avrebbe accettato il cibo come puro e conveniente per un animale caro agli dei. Il drago, precisa Eliano, era in grado di accorgersi della corruzione delle fanciulle grazie ad una sorta di spirito profetico e qualora una delle fanciulle non fossero state vergini avrebbe rifiutato il cibo e la focaccia sarebbe rimasta intatta. Le formiche si incaricavano allora di sbriciolare la focaccia e di trasportarla fuori dal bosco, purificando così il luogo. In questo modo la mancata purezza della ragazza sarebbe stata resa nota agli abitanti del luogo e colei che avesse contaminato la propria verginità sarebbe stata punita con le pene stabilite dalla legge.

(estratto dal testo di Marco Menicocci Le vergini e il sepente, pubblicato su www.lanuvioonline.eu)

La focaccia (maza)

Proprio grazie ad Eliano conosciamo la natura dell’offerta rivolta al serpente: il termine utilizzato dall’autore, che scrive in lingua greca, è maza, parola utilizzata per indicare vari tipi di focaccia, per i quali venivano normalmente utilizzate farine grossolane di cereali quali orzo o farro, o legumi (ceci e fave) impastate a scelta con acqua, olio, miele o latte. La maza poteva avere un impasto diverso a seconda delle occasioni d’uso: poteva essere preparata in varianti elaborate e raffinate, adatte al momento del simposio che seguiva il banchetto classico, poteva essere consumata cotta o cruda e sotto varie forme, dalla focaccia, ai pani, alle gallette. La maza era utilizzata anche come base per altri alimenti (e per questo considerata tra le antenate della pizza) e talvolta come vero e proprio piatto, secondo una tradizione che si ritroverà anche in fonti più tarde, tra cui Virgilio, che nell’Eneide (VI, 420) parla di una focaccia con droghe e miele che la Sibilla getta a Cerbero, e soprattutto fa dire all’arpia Celeno che Enea e i suoi, giunti nel Lazio esuli da Troia, avranno una fame terribile, che li costringerà a mangiare anche le mense, focacce di farro usate come piatti per contenere gli alimenti.

La ricetta di Lanuvio

 I dati in nostro possesso (fonti e dati archeologici) non permettono di identificare con certezza gli ingredienti della maza lanuvina: le indagini archeologiche hanno rilevato resti alimentari riferibili a fave e ceci cotti, oltre a resti di ovini e caprini nelle immediate vicinanze del luogo identificato come l’antro del serpente. Tali alimenti rientrano perfettamente nell’ambito delle offerte sacrificali per le divinità ed è plausibile immaginare che la maza, anche in questo caso, avesse la funzione di “piatto” commestibile, su cui adagiare carni e legumi.

Si propongono di seguito due ricette di maza: la prima, salata e senza lievito è certamente la più vicina alla focaccia offerta al serpente e potrà essere accompagnata da olive condite, legumi e carni arrostite che la inumidiscano con i loro umori, la seconda è una maza dolce e lievitata usata nei banchetti.

Ricetta n. 1 – maza salata

600 gr di semola di orzo o farro integrale
¼ di litro d’acqua tiepida
2 cucchiai d’olio extravergine d’oliva
mezzo cucchiaio di sale

Disporre la farina a fontana e versare al centro parte dell’acqua, olio e sale, aggiungere progressivamente l’altra acqua e lavorare fino a raggiungere un impasto omogeneo, che potrà avere anche una consistenza leggermente granulosa dovuta ala farina grossolana. Lasciare riposare l’impasto coperto da un telo umido per un’ora e mezza circa. Riprendere la lavorazione e dividere l’impasto in 2 o tre porzioni, dando alle focacce la forma di dischi schiacciati dello spessore di un centimetro. Disporre le focacce su una placca unta d’olio e spennellarle con altro olio, cuocere in forno preriscaldato a 220 °C per 15-20 minuti, girandole a metà cottura.

Ricetta n. 2 – maza dolce

900 gr di farina integrale di orzo o farro
500 ml latte intero
lievito
olio extravergine di oliva
sale
miele (2 cucchiai)

Disporre la farina a fontana, aggiungere un pizzico di sale, un cucchiaio di olio, 200 ml di latte e il lievito (la dose dipende dal tipo di lievito utilizzato, ottima anche la pasta madre), cominciare a lavorare l’impasto ed aggiungere il restante latte con due cucchiai di miele. Lavorare l’impasto finché non ha raggiunto una consistenza morbida ed elastica, lasciare riposare un’ora e mezza coperto con un panno umido. Rilavorare l’impasto e dividerlo in almeno due porzioni, stendendolo in una placca unta d’olio, dandogli uno spessore di poco più di un centimetro. Infornare nel forno preriscaldato a 220°C per 10-15 minuti. Servire con miele caldo.


di
Vita Romana fondata da Barbara Fabiani
Sede legale: via Francesco Gentile 19E/20, 00173 Roma
Sede operativa: via del Conservatorio 73, 00186 Roma
www.vitaromana.org, vitaromana.bf@gmail.com
Partita I.V.A. 10909141003
Codice Fiscale 97560110583

Lascia un commento